Il Lungomare non una pattumiera

 

Inserita il 10/05/2007

News
Da alcuni giorni sul lungomare di Badolato ha fatto capolino la poco gradevole presenza di cumuli di materiali e rifiuti edilizi, inerti da costruzione e macerie varie. Le stradine che portano al nostro litorale sono fiancheggiate da uno spettacolo squalificante per un’area che dovrebbe essere nell’interesse di tutti mantenere quanto meno intatta.

Agli impegni dell’Amministrazione, che anche quest’anno cerca di salvaguardare un’area talmente estesa, a volte con interventi di decespugliazione, a volte con nuove piantumazioni, fa da contraltare una serie di pessimi comportamenti da parte di poche ditte e privati che danneggiano l’intera collettività, confondendo il lungomare per una sorta di pattumiera.

Approfittando probabilmente dei lavori del vicino sottopasso ferroviario dove i depositi di terra sono stati autorizzati, in molti hanno pensato di poter fare la stessa cosa, ed anche di più. Qualcuno ha quindi lasciato sul lungomare macerie edilizie, non materiali generici ma rifiuti che la legge considera “speciali”, che richiedono smaltimenti ad hoc e che, evidentemente, non andranno incontro a nessun processo di semplice ripianamento - riempimento come invece per i depositi di terra del sottopasso ferroviario.

La situazione non solo crea una quadro di pesante degrado ambientale ed urbano, ma costringe l’Amministrazione ad interventi economicamente impegnativi, destinando a ciò risorse che potevano essere salvaguardate per altre esigenze ambientali con l’estate ormai prossima.
La politica, come si evince dalla nota sottostante, ha interessato gli uffici competenti per risolvere il problema chiedendo maggiore e diversa attività di controllo e prevenzione, ma è chiaro che un maggiore senso civico potrebbe evitare situazioni degradanti che, per colpa di pochi, toccano e danneggiano tutta la nostra comunità.


________________________________

All’UTC di Badolato

e. p. c.

al Sindaco di Badolato
Alla Polizia Municipale di Badolato

Con la presente nota il sottoscritto, nella qualità di assessore all’ambiente di questo Comune, chiede all’Ufficio Tecnico di adoperarsi, rapidamente, per eliminare i depositi di materiali edilizi abusivamente lasciati da privati nei pressi del lungomare.
Si segnala come gran parte di essi insistano lungo le stradine di accesso tra la strada Tiratore – Aquilia ed il litorale di Badolato restringendo notevolmente il passaggio ed offrendo un quadro di degrado sempre più preoccupante.
Si ravvisa peraltro la necessità di una forma di maggiore presenza sull’area da parte delle forze di polizia locale, come anche, da parte di vigili ed UTC, di controlli incrociati su tutte le DIA in corso e sulle modalità di smaltimento degli inerti da costruzione derivanti da tali lavori.


Distinti saluti,
Nicola Criniti
Badolato, 9 maggio 2007


Autore: Fausto

Chiudi questa finestra