Diserbante per le strade: allarme

 

Inserita il 02/06/2006

News
Badolato. I cittadini della Marina denunciano la pericolosità per i bimbi e gli animali

A Badolato è polemica, numerosi cittadini ci hanno contattato, per denunciare un fatto gravissimo.

«In questi giorni, riferiscono alcuni abitanti della località "Montemanno" della frazione Marina. abbiamo notato alcuni operai che hanno fatto uso di diserbante per le vie dei vari quartieri dove ai bordi della strada vi sono erbacce. L'operazione è iniziata di buon mattino e sembra sia stata autorizzata dall'amministrazione comunale».
Alcuni componenti dei Rangers, molto attivi sul territorio per la difesa dell'ambiente, non hanno condiviso l'iniziativa in quanto può provocare danni agli uccelli e agli animali domestici.

I pericoli più gravi, precisano i genitori, riguardano i nostri bambini che spesso vanno a giocare negli spazi antistanti le proprie abitazioni. Infatti lo scorso anno il diserbante utilizzato sul lungomare provocò una moria di tortore». C'è da dire anche che in alcune zone di campagna vicine al centro abitato, in modo irresponsabile vengono utilizzati concimi e parassitari per gli alberi da frutta, e ortaggi.

Segnalazioni per il degrado ambientali arrivano anche da Badolato Superiore. Alcuni cittadini hanno evidenziato che la disinfestazione da parte dell'ente preposto non ha dato i risultati sperati, in quanto il liquido spruzzato non ha provocato nessun effetto positivo, visto che zanzare e topi la fanno da padrone.
Insomma l'aria a Badolato sta diventando veramente irrespirabile.

Di chi la responsabilità?
Nei giorni scorsi in un'intervista a "Il Quotidiano" l'assessore all'ambiente Nicola Criniti, aveva evidenziato le difficoltà economiche dell'ente, la vastità delle aree a verde, e chiedeva ai cittadini una maggiore collaborazione, e garantiva che il problema sarebbe stato affrontato con determinazione da parte del suo assessorato.

Nei giorni scorsi alcuni abitanti della località Montemanno, avevano denunciato l'abbandono in cui versa il paese, con la presenza di sterpaglie, topi, cani randagi. «Dopo la denuncia sul vostro giornale dice la signora M.M. abbiamo notato l'intera Giunta comunale impegnata con una ruspa a tagliare l'erbacce ai bordi della strada. Questo è stato un palliativo per darsi una parvenza d'impegno. Riteniamo molto irresponsabile il modo con cui vengono affrontati i problemi dell'ambiente».

Franco Laganà, Il Quotidiano, mercoledì 31 maggio 2006
Tratto da:
(gilbotulino.it, 31-5-2006)


Autore: Fausto

Chiudi questa finestra